Home / Generici / Criptovalute, Bitcoin ed Ethereum saranno le monete virtuali del futuro?

Criptovalute, Bitcoin ed Ethereum saranno le monete virtuali del futuro?

Prima il Forex, e poi le opzioni binarie in questi ultimi anni hanno attratto molti piccoli trader online a caccia di profitti ma a fronte dell’assunzione di rischi decisamente elevati. Ma da parecchi mesi a questa parte l’attenzione si è spostata sulle cosiddette criptovalute ed in particolare non solo sulla moneta virtuale più nota e più scambiata come il Bitcoin, ma pure su Ethereum come viene spiegato nel dettaglio nella guida sul sito https://www.criptovalute24.com/investire-ethereum-la-guida-completa/ .

Gli estimatori delle monete virtuali decentralizzate prevedono che le criptovalute saranno la moneta di scambio del futuro al punto da fare  concorrenza alle valute tradizionali più forti, dall’euro al dollaro e fino ad arrivare alla sterlina inglese. Non a caso nell’ultimo anno le quotazioni di criptovalute come il Bitcoin hanno fatto registrare una crescita esponenziale, ma i detrattori delle monete virtuali, di contro, vedono in questa ascesa la formazione di una pericolosissima bolla speculativa che, quando scoppierà, rischierà di fare grossi danni a livello globale.

In effetti già da parecchi mesi a questa parte il trading in criptovalute ha fatto registrare una forte espansione grazie anche a fattori speculativi visto che alcuni broker online hanno permesso ai clienti di acquistare indirettamente monete virtuali come il Bitcoin ed Ethereum attraverso strumenti derivati come i Contratti per Differenza (CFD). Ad oggi per fare trading con possibilità di guadagno in tempi brevissimi, ma anche a fronte del rischio di subire ampie perdite, il Bitcoin è uno degli strumenti finanziari alternativi più volatili ma anche con la migliore rivalutazione negli ultimi anni.

Basti pensare che nel 2011 la quotazione del Bitcoin era di appena 15 dollari rispetto invece al massimo storico sopra i 5 mila dollari che è stato toccato nel mese di settembre del 2017. Il successo del trading sulle monete virtuali, inoltre, poggia anche sulla scelta, da parte dei broker, di permettere ai trader di investire in Bitcoin, Ethereum ed altre criptovalute anche se si hanno piccoli capitali a disposizione, e spesso sfruttando anche tutti i vantaggi, ed i relativi rischi, dell’apertura di posizioni in leverage, ovverosia sfruttando l’effetto moltiplicatore della leva finanziaria.

Per tutto ciò, inoltre, basta avere un PC ed uno smartphone, ed aprire gratuitamente con un broker online un conto di trading che rappresenta la via di accesso alla piattaforma di negoziazione. Prima di investire in Bitcoin, in altre criptovalute, in maniera diretta e indiretta, ma anche in altri strumenti finanziari come le opzioni binarie ed i cross valutari sul mercato Forex, è bene ponderare le scelte in ragione del proprio profilo di rischio.

Ad esempio, con le opzioni  binarie il trading è tale che per ogni operazione è possibile ottenere un guadagno rilevante ma anche perdere l’intero capitale investito, ragion per cui trattasi di uno strumento finanziario che non è per nulla adatto, ad esempio, per chi dagli investimenti finanziari va alla ricerca di meccanismi di protezione del capitale. Gli stessi discorsi valgono pure per altri strumenti finanziari come i Contratti per Differenza (CFD) che a conti fatti sono titoli che vengono negoziati prevalentemente per fini speculativi.