Home / Generici / Computer portatili, quali sono e come riconoscerli

Computer portatili, quali sono e come riconoscerli

Quando il proprio smartphone per lavorare, per studiare oppure per giocare, non è ideale a causa del display troppo piccolo, allora è arrivato il momento di acquistare un portatile, ma quale? Ebbene, per la scelta dei migliori portatili, come peralto viene messo bene in evidenza sul sito Internet s-m-webblog.com , bisogna tenere conto che sul mercato ci sono tanti modelli non solo per quel che riguarda il prezzo, ma anche per le caratteristiche hardware, per le dimensioni e per il design.

Per rendere l’idea basti pensare che per la scelta di un portatile si può acquistare un notebook, un netbook, un ultrabook. Ma ci sono anche i cosiddetti dispositivi 2-in-1, i Chromebook ed i MacBook. Vediamo allora di spiegare sommariamente cosa ci sta dietro a questi nomi di portatili a partire dal notebook che è il più facile da individuare in quanto è il classico computer portatile con schermo che di norma è di 12-13 pollici, ma per certi modelli, chiaramente più ingombranti, si arriva anche fino a 20 pollici.

Con la sigla netbook, invece, si identifica sostanzialmente un mini-PC portatile in quanto rispetto al notebook ha un display più piccolo che porta anche a ridotte dimensioni. Rispetto al notebook, inoltre, il netbook ha ridotto anche il prezzo, in quanto costa meno, e quasi sempre è privo di unità CD/DVD in quanto ideato, pensato e messo in commercio come device prevalentemente utilizzato con la connessione ad Internet attiva.

L’Ultrabook, che è un marchio registrato, identifica una classe di computer portatili caratterizzata principalmente da due caratteristiche, la compattezza e la leggerezza, e la potenza e velocità di elaborazione offerta dai microprocessori Intel, mentre i dispositivi 2-in-1, detti anche convertibili, non sono altro che tutti quei notebook, netbook o ultrabook che da un lato sono dotati di uno schermo touch, e dall’altro possono essere girati e/o staccati per trasformarsi da portatili a tablet e viceversa.

Il Chromebook, che utilizza il sistema operativo Chrome OS, è un portatile low cost senza unità CD/DVD ed appositamente ideato per navigare in Internet, anche con il Wi-Fi, mentre i MacBook non sono altro che i computer portatili della Apple dotati di sistema operativo macOS. Rispetto ai Chromebook i MacBook della Apple, così come avviene per gli ultimi modelli di iPhone lanciati sul mercato, presentano un prezzo d’acquisto superiore alla media di mercato di riferimento.

Nello scegliere tra notebook, netbook, ultrabook, 2-in-1, Chromebook o MacBook, oltre al prezzo occorre prendere in considerazione pure l’utilizzo che sarà fatto del portatile, ed in prevalenza in quali luoghi sarà utilizzato, ad esempio prevalentemente a casa, oppure sempre in movimento per lavoro o per lo studio.